Ce site utilise cookie pour vous fournir une meilleure expérience. En poursuivant la navigation, vous acceptez l'utilisation des cookie de notre part OK

Aggiornamenti sul Coronavirus (COVID-19)

Date :

26/01/2021


Aggiornamenti sul Coronavirus (COVID-19)

Considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie. Si fa altresì presente che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia. Analoghe problematiche di rimpatrio potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-UE. Si ricorda che è disponibile all'indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero (05/11/2020)

  

 

COVID19 E TUNISIA: VIAGGIARE SICURI, INFORMAZIONI SANITARIE

Per informazioni sempre aggiornate sulle misure adottate in Tunisia: Viaggiare Sicuri - Scheda Tunisia

 

26.1.2021

TUNISIA: COVID-19. Aggiornamento: Le Autorità tunisine hanno annunciato la riapertura delle frontiere a partire dal 27 giugno e hanno disposto nuove misure di contenimento del COVID-19, destinate a chi entra in Tunisia dall’estero. Si registra attualmente un aumento molto significativo del numero dei contagi e dei decessi in tutti i Governatorati, con una conseguente massima pressione sulle strutture sanitarie pubbliche e private: si invita ad osservare rigorosamente i protocolli di prevenzione sanitaria e ad evitare assembramenti. Si raccomanda estrema cautela e il rispetto del distanziamento sociale e dell’obbligo dell’uso della mascherina, alla luce delle limitate capacità del sistema sanitario tunisino di far fronte ad un ulteriore aumento di pazienti in rianimazione. Vista la situazione sanitaria nel Paese e le misure adottate dalle autorità locali, si raccomanda di posticipare i viaggi non essenziali.

Misure restrittive in vigore in tutto il Paese (prorogate fino al 14 febbraio 2021 incluso): alla luce del rapido deterioramento del quadro epidemiologico, dal 30 ottobre è in vigore il coprifuoco notturno dalle ore 20.00 alle 5.00. E’ disposto: obbligo dell’uso dei dispositivi di protezione individuale (mascherine) e del rispetto delle misure di distanziamento sociale e di igiene; divieto di spostamento tra i Governatorati tranne per lavoratori, studenti e casi eccezionali; divieto di assembramento di più di 4 persone nei luoghi pubblici, ad eccezione dei mezzi di trasporto; sospensione della frequenza dei luoghi di culto; divieto di manifestazioni pubbliche e private; orario ridotto per gli uffici pubblici con turni e regime a squadre alternate e telelavoro; sospensione delle lezioni scolastiche; chiusura dei bar e dei ristoranti (solo servizio da asporto); invito per gli over 65 a limitare le uscite in pubblico. Sono previste sanzioni per i contravventori. Si raccomanda a tutti i connazionali il rigoroso rispetto delle norme di emergenza emanate dalle Autorità locali e la massima collaborazione con le Forze di polizia che effettuano i controlli, rafforzati in tutto il paese con l’aumento dei contagi.

INGRESSO IN TUNISIA: A partire dal 1 febbraio TUTTI I VIAGGIATORI in ingresso in Tunisia hanno l’obbligo di:

1) presentare certificato di test RT – PCR negativo COVID-19 (tampone nasofaringeo) effettuato nelle 72 ore precedenti all’imbarco. I minori di 12 anni sono esentati;

2) sottoporsi a 7 giorni di quarantena a proprie spese presso una delle strutture alberghiere indicate dal Ministero della Salute (vedi LISTA); all’imbarco sarà necessario esibire la prenotazione alberghiera e una prova del pagamento effettuato (voucher). Al 7mo giorno sarà possibile effettuare un test RT-PCR a proprie spese: se il test è negativo termina la quarantena in albergo; se il soggetto non esegue il test RT-PCR di controllo o è sintomatico, prosegue la quarantena fino al 14mo giorno;

3) scaricare l’applicazione per cellulari “E7mi” e compilare i dati richiesti prima del viaggio per la sorveglianza sanitaria (https://app.e7mi.tn/language).

4) sottoscrivere una scheda sanitaria all’arrivo e l’impegno a sottoporsi a quarantena volontaria;

A titolo eccezionale e caso per caso la Commissione del Confinamento del Ministero della Salute potrà autorizzare deroghe alle misure precedenti unicamente per motivi familiari, professionali e di salute. Restano sospesi i collegamenti tra Tunisia e Regno Unito, Sudafrica, Brasile.

Fino al 31 gennaio restano in vigore i precedenti obblighi di: 1) presentazione RT – PCR negativo COVID-19 (tampone nasofaringeo) effettuato nelle 72 ore precedenti al viaggio; 2) sottoporsi a quarantena obbligatoria dai 7 ai 14 giorni a domicilio o in albergo; 3) registrarsi sull’app “ E7mi"; 4) sottoscrivere un impegno alla quarantena e una scheda sanitaria all’arrivo nel paese.

Per i casi sospetti di positività al Covid-19 è previsto l’isolamento sanitario e il trasferimento in strutture ospedaliere dedicate.

Per segnalazioni di casi sospetti è a disposizione il numero 190 SAMU; per informazioni 00 216 80101919.

Per informazioni sul COVID in Tunisia, compresi laboratori pubblici e privati che effettuano test RT-PCR: https://covid-19.tn/fr/accueil-2/  ONMNE: http://www.onmne.tn/fr/index.php  ; https://www.facebook.com/ONMNE  ; Ministero della Salute: http://www.santetunisie.rns.tn ; Institut Pasteur http://www.pasteur.tn/ 

Per ogni segnalazione è possibile scrivere agli indirizzi e-mail: consolare.tunisi@esteri.it e assistenza.tunisi@esteri.it 

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

MISURE IN VIGORE

• Compilare la scheda sanitaria in ingresso in Tunisia: http://coronavirus.rns.tn/fiche-sanitaire2020/fiche-sanitaire/fiche.php 

• Scaricare l'app E7mi per il tracciamento https://app.e7mi.tn/language 

• Utilizzo della mascherina e rispetto del distanziamento sociale

• Rispetto del coprifuoco notturno

• Divieto di raduni e rinvio di tutte le manifestazioni

• I turisti devono adeguarsi al Protocollo sanitario del Ministero del Turismo tunisino:

http://www.tourisme.gov.tn/e-services/protocole-sanitaire-touristique-anti-covid-19.html 

 

27.09.2020: Comunicato congiunto tra i Ministeri della Salute, Interno e Affari Locali e Ambiente

Al fine di contenere la diffusione rapida del Coronavirus in Tunisia e di evitare l’esaurimento delle capacità di accoglienza nelle strutture sanitarie nazionali, i Ministeri della Salute, dell’Interno e degli Affari Locali e Ambiente informano che è stato deciso di adottare le seguenti misure:

1) Rafforzamento effettivo delle operazioni di monitoraggio dell'applicazione dei protocolli sanitari nei luoghi di assembramenti attraverso l'immediata applicazione delle disposizioni vigenti e l'immediata chiusura dei luoghi e spazi non conformi ai protocolli sanitari:

Nei bar e sale da tè:

  • Divieto assoluto dell'uso del narghilè;
  • Utilizzo di utensili monouso;
  • Applicazione del distanziamento fisico;
  • Ventilazione naturale nei luoghi (apertura di porte e finestre).

Nei ristoranti, bar e discoteche:

  • Utilizzo di utensili monouso;
  • Applicazione del distanziamento fisico;
  • Ventilazione naturale nei luoghi (apertura di porte e finestre).

Negli spazi ampi e i mercati settimanali: è obbligatorio indossare la mascherina e applicare il distanziamento fisico.

2) Chiusura immediata di qualsiasi luogo che non applichi i protocolli sanitari.

3) Divieto di qualsiasi manifestazione accogliendo numeri elevati di partecipanti, di carattere culturale, sportivo, politico o scientifico (conferenze, forum, mostre, ecc.).

4) Riduzione del numero dei visitatori nei parchi, teatri e cinema.

5) Limitazione del numero dei partecipanti a matrimoni e funerali:

  • Celebrazioni familiari nelle case e nelle sale per matrimoni: a condizione che non superino il 30% della capienza.
  • Funerali: limitazione delle presenze.

6) Luoghi di lavoro: rafforzamento dei team di sicurezza sanitaria sui luoghi di lavoro e conferimento dei poteri al fine di garantire l'attuazione dei protocolli sanitari e la chiusura immediata in caso di non conformità;

7) Per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblico: Garantire il rispetto rigoroso delle misure sanitarie: uso delle mascherine in tutti i mezzi di trasporto pubblico e privato ​​e la sanzione immediata in caso di violazione di tali misure;

8) Adozione di misure speciali nelle zone ad alta diffusione del virus:

  • Applicazione di una quarantena generale per un periodo di due settimane;
  • Chiusura dei luoghi pubblici di forte affluenza;
  • Divieto di circolazione al di fuori di tali zone;
  • Uso della mascherina in spazi aperti;
  • Campagne di pulizia e sanificazione.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

 

COVID-19 E TUNISIA: AGGIORNAMENTI STATISTICI, CONTENIMENTO E NUMERI UTILI  

Sito del Ministero della Salute tunisino

Sito dell'Osservatorio Nazionale delle Malattie nuove ed emergenti (ONMNE)

Numeri di Emergenza da contattare in caso di sintomi COVID-19 

Aggiornamenti sulla diffusione del COVID-19 e misure di contenimento 

A cura della Task Force interministeriale tunisina di gestione dell'emergenza Coronavirus, in particolare dell'ONMNE (Observatoire national des maladies nouvelles et émergentes; vedi anche : https://covid-19.tn/fr/dernieres-informations-fr/ )

Scheda sanitaria da compilare per l'ingresso in Tunisia 

Sistema di Gestione dei pazienti sospetti o di casi accertati di COVID19 - INEAS

A cura dell'Instance Nationale de l’Evaluation et de l’Accréditation en Santé (INEAS) : http://www.ineas.tn/fr 

11/03/2020: INTERVISTA AMBASCIATORE FANARA ALLA RADIO RTCI 

 

  

COVID19: I PROVVEDIMENTI IN ITALIA

L’OMS ha classificato COVID-19 come “pandemia”, dallo scorso 11 marzo. Per contenerne la diffusione, a partire da gennaio 2020 sono state progressivamente adottate misure restrittive su scala globale (sospensione del traffico aereo, divieto di ingresso, respingimento in frontiera, quarantena obbligatoria, accertamenti sanitari). SI RACCOMANDA DI EVITARE OGNI VIAGGIO/SPOSTAMENTO NON ESSENZIALE

 

10.12.2020

COVID-19. NORMATIVA ITALIANA: Il DPCM 3 dicembre 2020 disciplina gli spostamenti da/per l’estero fino al 15 gennaio 2021.
Per ciascun elenco di Paesi sono previste differenti limitazioni. Per il periodo dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 sono previste inoltre restrizioni ulteriori agli spostamenti sul territorio nazionale e all’ingresso/rientro dall’estero, dai Paesi dell’elenco C. Sono previste inoltre limitazioni a livello regionale, in base alla fascia di rischio in cui è collocata ciascuna regione. Le disposizioni riportate di seguito hanno carattere riassuntivo. Per i dettagli, si raccomanda vivamente l’attenta lettura dell’Approfondimento disponibile su questo sito web.
A - San Marino e Città del Vaticano: nessuna restrizione
B - Dal 10 dicembre, Stati e territori a basso rischio epidemiologico, che verranno individuati con apposita Ordinanza, tra quelli di cui all’elenco C. Al momento, nessuno Stato è in questo elenco.
C – Dal 10 dicembre: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Regno Unito (incluse isole del Canale, Isola di Man, Gibilterra e basi britanniche nell’isola di Cipro ed esclusi i territori situati al di fuori del continente europeo per i quali il Regno ha la responsabilità delle relazioni internazionali), Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco: obbligo di test molecolare o antigenico effettuato a mezzo di tampone nelle 48 ore precedenti l’imbarco, con risultato negativo (in mancanza, isolamento fiduciario). Dal 21 dicembre al 6 gennaio, è previsto l’obbligo di isolamento fiduciario.
D- Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Tailandia, Uruguay: obbligo di isolamento fiduciario all’ingresso/rientro in Italia.
E - Resto del mondo: possibilità di spostamenti solo in presenza di precise motivazioni. Obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria all’ingresso/rientro in Italia.
Non è più previsto l’elenco F. I Paesi precedentemente inclusi in tale elenco (Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Kosovo, Montenegro, Colombia) sono ora ricompresi nell’elenco E.

Per i Paesi da/per i quali l’Italia non pone limitazioni, si raccomanda di consultare sempre la Scheda Paese su ViaggiareSicuri: le autorità locali potrebbero ancora mantenere restrizioni all’ingresso per i viaggiatori (anche provenienti dall’Italia).

E’ disponibile anche un questionario, basato sulla normativa vigente in Italia. Il questionario ha carattere informativo, non ha valore legale e il risultato ottenuto non garantisce l’ingresso in Italia o nel Paese di destinazione: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ 

Per maggiori info: 

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html 

SCARICA IL MODULO DI AUTODICHIARAZIONE PER GLI SPOSTAMENTI IN ITALIA

 

MISURE RESTRITTIVE PER CHI RIENTRA IN ITALIA DALLA TUNISIA

Tutti coloro che rientrano in Italia dalla Tunisia, sono tenuti a consegnare al vettore l'autocertificazione debitamente compilata e firmata (SCARICA IL MODULO) al momento dell'imbarco (Nave, aereo); in capo al vettore permane l'obbligo di misurare la temperatura, di garantire adeguato distanziamento sociale a bordo e non fare imbarcare persone con febbre.

In materia di spostamenti da, verso e all’interno del territorio della Repubblica Italiana, si ricorda quanto previsto dal DPCM 3 novembre 2020

Salvo eccezioni previste dal DPCM 3 dicembre 2020, per chi proviene da paesi Extra-UE (es. Tunisia) permane obbligo all’autoisolamento, per i 14 giorni successivi al ritorno, anche se asintomatico rispetto al COVID-19 e il divieto di prendere mezzi pubblici per raggiungere il domicilio di autoisolamento. È, inoltre, obbligatorio comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria locale il proprio ingresso in Italia per avviare la sorveglianza sanitaria.

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI SULLA NORMATIVA IN VIGORE IN ITALIA

*** 

 

DL 18/2020, convertito con modificazioni dalla Legge 27/2020

Proroga validità passaporti, carte d'identità e patenti di guida rilasciate dallo Stato italiano

***

 

Per ulteriori informazioni e approfondimenti sul Nuovo Coronavirus (COVID-19)

Focus Coronavirus su Viaggiare Sicuri

Presidenza del Consiglio dei Ministri : Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019

Ministero della Salute Italiano : Coronavirus, la situazione in Italia

Protezione civile: Information in ENG 

  

PREVENZIONE E SANITA' : LINEE GUIDA E PROTOCOLLI

PROTOCOLLI SICUREZZA COVID-19 : I gesti quotidiani corretti per prevenire il contagio

Scarica l'utile guida sintetica e visuale su come comportarsi nella vita quotidiana al fine di ridurre al minimo i rischi di contagio

DOMANDE E RISPOSTE SUL COVID-19 A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE

GRAFICHE ESPLICATIVE SUI COMPORTAMENTI PIU' FREQUENTI DA ADOTTARE (PREVENZIONE E CONTENIMENTO)

 

VOLI SPECIALI PER RIENTRO CONNAZIONALI TUNISI-ROMA

VOLI SPECIALI TUNISI-ROMA 20 MARZO 2020

VOLO SPECIALE TUNISI-ROMA, 3 MAGGIO 2020

 

 NAVI SPECIALI DI RIENTRO IN ITALIA

  • TUNISI-SALERNO (06.04.2020)
  • TUNISI-PALERMO (17.04.2020)
  • TUNISI-PALERMO (27.04.2020)
  • TUNISI-GENOVA (04.05.2020)
  • TUNISI-SALERNO (24.05.2020) 

PAGINA CREATA IL: 24/02/2020


Lieu :

Tunisi, 24/02/2020

321