Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Visita a Tunisi del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano

Data:

19/01/2017


Visita a Tunisi del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano

La missione a Tunisi del Ministro Alfano è iniziata oggi con l’incontro, presso il Palazzo della Presidenza della Repubblica, con il Presidente Beji Caid Essebsi. Nel corso della cordiale conversazione, il Ministro ha detto al suo interlocutore che “Italia e Tunisia sono saldamente unite da storia, geografia e cultura comuni, oltre che da una profonda amicizia”. Alfano ha espresso grande soddisfazione per gli importanti traguardi raggiunti dal popolo tunisino lungo il percorso di rafforzamento delle istituzioni democratiche.

“La difesa della democrazia è un patrimonio prezioso per la Tunisia, conquistata con la sua determinazione e la sua passione per la libertà. L’Italia ha assicurato, e continuerà a farlo, la massima collaborazione, a tutti i livelli, alle istituzioni tunisine", ha dichiarato il titolare della Farnesina, aggiungendo: “Siamo pronti a rilanciare la cooperazione in tutti i diversi settori: economia, cultura, lotta al terrorismo e migrazioni".

Nel congedarsi dal presidente della Repubblica, Alfano ha affermato che “Il presidente Mattarella è felice di riceverla in Italia l’8 febbraio e lavoriamo insieme per preparare l’incontro per il miglior successo e per raggiungere risultati concreti”. Il Ministro ha ricevuto "un caloroso apprezzamento del Presidente Essebsi per l'importante contributo dei lavoratori e imprenditori italiani presenti in Tunisia".

In seguito, Alfano ha avuto incontri molto cordiali con il suo omologo, Ministro degli Esteri Khemaies Jhinaoui, e con il Capo del Governo, Youssef Chahed.

Nel corso del primo incontro, su richiesta del Ministro Alfano che ha evocato “la continuità storica e la comunità di destini dei rapporti bilaterali”, il Ministro Jhinaoui ha indicato le sue priorità di cooperazione: opportunità di formazione per la gioventù, sviluppo economico delle zone interne, lotta al terrorismo, invito al presidente Essebsi al Vertice G7 di Taormina, interconnessione energetica (progetto ELMED che coinvolge TERNA e l’omologa tunisina STEG) e ulteriore sviluppo dei nuovi insediamenti (in particolare palmeti) nel sud desertico del Paese.

“Il nostro obiettivo - ha proseguito Alfano - è giungere ad un salto di qualità nelle relazioni fra i due Paesi e di concludere una prima intesa già in occasione della visita di Stato del Presidente Essebsi, in Italia il prossimo 8 febbraio”.

Il Ministro ha poi assicurato "il massimo sostegno dell'Italia ai giovani tunisini, anche tramite la proposta di un programma, "Erasmus del Mediterraneo", volto ad unire le ultime generazioni attraverso una nuova versione della formula ormai consolidata e di successo tra gli Stati membri dell’UE".

Altrettanta cordialità e comunità di vedute nel successivo incontro con il Capo del Governo Chahed, che ha avuto luogo prima del trasferimento al Museo Bardo, dove il Ministro si è recato per rendere omaggio alle vittime dell’attentato del marzo 2015. Alfano si è rivolto così al Premier tunisino: "Tengo molto a confermare la piena volontà del Governo italiano di dare nuovo slancio alla collaborazione nei settori strategici di collaborazione bilaterale: sviluppo delle relazioni economiche e delle potenzialità del Paese, lotta al terrorismo e cooperazione migratoria”.


178