Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione allo sviluppo

 

Cooperazione allo sviluppo
logo aics ita o n




La Cooperazione Italiana è stata ininterrottamente presente in Tunisia sin dalla sua istituzione alla fine degli anni ottanta. Essa si posiziona fra i principali donatori della Tunisia. L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS Tunisi) raccogliendo l’eredità della vecchia Unità Tecnica Locale (Utl) della DGCS, continua il sostegno italiano che si realizza grazie all’impegno e all’assistenza degli esperti dell’ufficio regionale che interviene anche in Libia, Mauritania e Marocco.

Nel febbraio 2017 è stato firmato un Memorandum d’intesa (MoU) per la cooperazione che definisce la programmazione per il periodo 2017-2020 e le relative risorse (165.5 milioni di euro di cui 100 a credito d’aiuto e 65.5 a dono). Quest’Accordo segna la volontà di un riposizionamento strategico della nostra Cooperazione in Tunisia, sia attraverso un considerevole aumento delle risorse finanziarie messe a disposizione, sia attraverso un rinnovato interesse per settori e zone geografiche tradizionalmente prioritari per la nostra Cooperazione. Con il MoU 2017-2020 si conferma il sostegno dell’Italia alla Tunisia in materia di occupazione e sviluppo economico, in particolare nelle regioni più svantaggiate del Paese, consacrando una particolare attenzione allo sviluppo regionale e locale, al rafforzamento dell’istruzione pubblica e alla migrazione quale vettore di sviluppo.

Il programma della Cooperazione italiana in Tunisia consta attualmente di un pacchetto di circa 500 milioni di euro, di cui circa 345 milioni per iniziative in corso e in fase di avvio e 155 milioni circa per programmi in fase di preparazione sulla base del nuovo Memorandum 2017-2020. L’azione della Cooperazione italiana in Tunisia si è storicamente concentrata sul sostegno allo sviluppo del settore economico privilegiando azioni a supporto della piccola e media imprenditoria tunisina e a sostegno del settore pubblico. In tale ambito è in corso una Linea di credito per le PMI da 73 milioni di euro e altre risorse a credito d’aiuto (145Milioni di euro) sono destinate al finanziamento di investimenti della pubblica amministrazione tunisina in beni e servizi connessi. Un’attenzione particolare è inoltre accordata allo sviluppo rurale e delle regioni del sud del Paese, area geografica di tradizionale interesse della Cooperazione Italiana che, a partire dalla fine degli anni ’90 ha visto la realizzazione di importanti iniziative tra cui si annovera il progetto, nella regione desertica di Rjim Maatoug, di creazione di 2500 ha di palmeti da dattero. In ambito di decentramento e sviluppo locale è in fase di identificazione un programma con cui si intende dare un contributo sostanziale agli sforzi dello Stato tunisino volti allo sviluppo delle zone più marginalizzate del Paese, nonché alla concretizzazione del processo di decentramento politico ed amministrativo stabilito dalla nuova Costituzione. Sempre nell’ottica di colmare il divario tra regioni e garantire pari opportunità, si interviene nell’ambito del sostegno all’istruzione pubblica, con azioni che mirano al miglioramento delle infrastrutture e dei servizi scolastici, ambiti in cui la nostra Cooperazione interviene con il coinvolgimento di UNICEF e PAM. La tutela dei diritti dei lavoratori migranti e coinvolgimento della diaspora tunisina in Italia al fine di promuovere delle attività produttrici di reddito sono due degli assi d’intervento che la Cooperazione sviluppa in tema di migrazione, con il coinvolgimento dell’ILO e dell’OIM.

Inoltre, la Cooperazione italiana contribuisce, con la Banca Mondiale, al finanziamento degli studi di esecuzione volti ad un progetto strategico di interconnessione elettrica fra Italia e Tunisia (denominato “Elmed”) che ambisce alla realizzazione di un’effettiva integrazione dei sistemi elettrici tra Europa e Africa.

Una menzione a parte va fatta per il Programma di conversione del debito da 25 milioni di euro, avviato nella primavera 2017 per interventi da realizzare principalmente nel settore del risanamento e rafforzamento delle infrastrutture idrauliche, della sanità e della creazione di impiego.



 
 

 

Cartina della Tunisia



find us on Facebook



ORGANICO 
 
 
 
Rappresentante - Direttore regionale
Flavio Lovisolo
segreteria.tunisi@aics.gov.it

Amministrazione

Sonia Gheribi
Responsabile Amministrativo, Contabilità e Risorse Umane
sonia.gheribi@aics-tunisia.org

Mina Ubbiali
Esperto amministratore contabile
mina.ubbiali@aics-tunisia.org

Souad Gharbi
Segretaria di Direzione
segreteria.tunisi@aics.gov.it

Rym Mergheni
Assistente amministrativo
rym.mergheni@aics-tunisia.org

Samir Kanoun
Centralinista
samir.kanoun@aics-tunisia.org

Yacine Neji
Autista

Slim Rafrari
Autista

Samir Chalfouh
Logistica

ESPERTI

Comunicazione/Visibilità

Michele Crudelini
Esperto
michele.crudelini@aics-tunisia.org

TUNISIA

Settore Sviluppo Economico

Alessia Tribuiani
Responsabile Settore
alessia.tribuiani@aics-tunisia.org

Mohamed Dhifi
Programme Officer /Programma linee di credito
mohamed.dhifi@aics-tunisia.org

Patrick Di Vincenzo
Assistente Programma linea di credito
/ Archivio
patrick.divincenzo@aics-tunisia.org

Settore Sviluppo Locale e Decentralizzazione

Eleonora Fiorello
Responsabile settore
eleonora.fiorello@aics-tunisia.org

Stefano Verdecchia
Programme Officer Migrazione
stefano.verdecchia@aics-tunisia.org

Enrica Hofer
Programme Officer Educazione
enrica.hofer@aics-tunisia.org

DESK- Libia

Alice Pandolfi
Esperto Senior AICS
alice.pandolfi@esteri.it

Sofia Zavagli
Programme Officer
sofia.zavagli@aics-tunisia.org

Tommaso Antonelli
Liaison Officer
tommaso.antonelli@aics-tunisia.org

Lamia Ledrisi
UN Fellow
lamia.ledrisi@aics-tunisia.org

Laura Liberti
Amministrazione
laura.liberti@aics-tunisia.org

Erminio Sacco
Esperto Senior EU Trust Fund
erminio.sacco@aics-tunisia.org

Nicola Loi
Programme officer EU Trust Fund
nicola.loi@aics-tunisia.org

Mauritania

Paul Gasparini
Consigliere Tecnico Principale
Paul.gasparini@aics.gov.it

Marocco

Silvia Coni
Capo progetto
sylvia.coni@gmail.com



 





Dove siamo

Contatti

tunisi.aics.gov.it


Ambassade d'Italie - Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo
1, Rue de Florence - Mutuelleville, 1002 Tunis
Tél : +216 71 893.321 / +216 71 893.144
Fax : +216 71 893.432
E-mail : segreteria.tunisi@aics.gov.it


 


Accesso al pubblico : dal lunedì al venerdì 9:00 - 13:00 e 14:00 - 16:30


20