Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Iniziative

 

Iniziative

Link correlato (in italiano)

Iniziative

 

 

1.1 Iniziative finanziate nel quadro della Legge n. 49/1987

 

1.2 Iniziative finanziate dal CIPE

 

 

 

1.1  Iniziative finanziate nel quadro della Legge n. 49/1987

 

 

In Tunisia attualmente le attività di cooperazione allo sviluppo sono finanziate con doni o con crediti d’aiuto. Una parte dei fondi a dono è generata dalla riduzione del tasso di interesse su crediti pregressi (Fondi di contropartita). 


I doni sono destinati soprattutto a progetti di assistenza e cooperazione tecnica.
I crediti di aiuto sono invece destinati: (i) al finanziamento di progetti pubblici d’investimento (iniziative di "aiuto progetto"); (ii) al sostegno della bilancia dei pagamenti e (iii) a linee di credito per le piccole e medie imprese. 

 

 

I crediti sono gestiti da Protocolli d’accordo intergovernativi e da Convenzioni finanziarie fra la Banca Centrale di Tunisia e la Banca agente del Governo italiano (attualmente ARTIGIANCASSA).
I doni sono in modesta parte gestititi direttamente dalla DGCS, da organismi multilaterali tramite Accordi fiduciari, da ONG, mentre in gran parte sono gestiti direttamente dalle Autorità tunisine. 


Esse si possono ripartire per settore nel modo seguente:

 

 


 Iniziative per settore

 

    Settore privato (2 iniziative) 

    Sostegno alle politiche macro-economiche (1 iniziativa)

    Sviluppo sociale e sanitario (4 iniziative) 

    Patrimonio culturale e risorse umane (2 iniziative)

    Ambiente (3 iniziative) 

 

    Programma Sahara Sud (3 iniziative)

    Attività traversali (3 iniziative)

 

    Progetti ONG (1 iniziativa)

 

 

   • Iniziative tramite il Canale Multilaterale (4 iniziative)


 

 

Settore privato  

 

La legge sulla cooperazione ha previsto due strumenti finanziari specifici per lo sviluppo dell’imprenditoria privata: i) crediti agevolati per la promozione di società miste fra soggetti italiani e soggetti dei PVS (art.7) e ii) linee di credito per la promozione delle PMI (art. 6). 
Il sostegno al settore privato si attua anche con iniziative di assistenza tecnica agli intermediari e, talora, alle stesse imprese realizzati in alcuni casi in collaborazione con le Agenzie specializzate delle Nazioni Unite (UNIDO e BIT).  

 


Le iniziative del settore sono 2:

 

 

 

1. Programma di sostegno al settore privato 
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (9 Milioni di Euro)

 

 

2. Linea di credito per le PMI di 73 milioni di Euro
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Credito d'aiuto (73 Milioni di Euro) e dono (da definire)

 

Brochure Linea di Credito

 

 

 

----------

 

 


Sostegno alle politiche macro-economiche 
 

 

A partire dal 1995, dopo la firma dell’Accordo di Associazione con l’Unione Europea (entrato in vigore nel 1998), l’apertura dell’economia tunisina al commercio con l’estero è progressivamente cresciuta per preparare il Paese all’ingresso definitivo nell’area di libero scambio con l’UE che è stata completata, per i prodotti industriali, all’inizio del 2008. La Tunisia ha quindi intrapreso una serie di importanti riforme strutturali tese al miglioramento della competitività dell’economia, alla promozione dell’iniziativa privata, ad una maggiore affidabilità dell’intero contesto degli affari ed alla modernizzazione del sistema bancario e finanziario. 
In questo contesto la Cooperazione italiana sostiene da anni l’equilibrio della bilancia dei pagamenti; un programma a credito (€ 95 milioni) é attivo dal 2012 fino ad esaurimento.  

 

 

L’iniziativa del settore è una, per un importo complessivo di € 96 Milioni, di cui € 1 Milione a dono e € 95 Milioni a credito:

 


 

1. Programma di Aiuto alla Bilancia dei Pagamenti della Tunisia
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Credito d’aiuto (€ 95 Milioni) + dono (€ 1 Milione)

 

 

 

----------

 

 


Sviluppo sociale e sanitario

 

 


La Cooperazione italiana in Tunisia dedica una particolare attenzione allo sviluppo sociale e umano. Nel settore socio-sanitario sono attivi attualmente un’iniziativa di sostegno al Piano Nazionale di Lotta contro il cancro (centrato in particolare sulla prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori femminili) e una per l’integrazione socio-lavorativa dei portatori di handicap. Nell’immediato futuro si avvierà un programma socio-sanitario che consoliderà il risultato nei settori dei cancri femminili e dell’integrazione scolare dei giovani diversamente abili e che sosterrà le politiche di riduzione della mortalità materna e di riduzione del disagio sociale, soprattutto giovanile. Due altre iniziative saranno specificamente dedicate alla salute infantile.

 


Le iniziative del settore sono 4, per un importo complessivo di € 4,861 Milioni a dono: 

 

 

 

1. Progetto di neonatalogia
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: dono (€ 1.550.000) su fondi di contropartita generati dalla riduzione dei tassi di interesse

 

 

 

2. Progetto di neurologia infantile
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: dono (€ 0.550.000) su fondi di contropartita generati dalla riduzione dei tassi di interesse

 

 

 

3. Sostegno all'integrazione sociale dei portatori di handicap
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: dono (€ 1.884.000)

 

 

 

4. Sostegno al Piano Nazionale di Lotta contro il cancro
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: dono (€ 0.960.000)

 

 

 

 


----------

 

 

 

Patrimonio culturale e risorse umane

 

 


Nel campo culturale, i progetti attivi riguardano il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico/urbanistico locale, inteso come potenziale catalizzatore di sviluppo socio-economico attraverso la differenziazione dell’offerta turistica.

 


Le iniziative del settore sono 2, per un importo complessivo di € 1.829.000 a dono: 

 

 

1. Restauro delle capriate del Museo del Bardo
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: dono (€ 360.000) da fondi generati dalla riduzione di tassi di interesse

 

 

 

2. Restauro e riabilitazione del Presbiterio Santa di Croce in “Centro Mediterraneo di Arti applicate”
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€ 1.469.000)

 

 

----------

 

 

 

Ambiente

 

 

La Cooperazione italiana sostiene il Governo tunisino nell’attuazione della sua politica ambientale nella: la lotta contro la desertificazione (che comprende interventi di conservazione delle acque e dei suoli), la riduzione dell’inquinamento urbano (gestione dei rifiuti solidi, riutilizzazione delle acque reflue, trasporti a ridotto impatto ambientale), l’adattamento ai cambiamenti climatici e la protezione del Mediterraneo.

 

Le iniziative del settore sono 3, per un importo complessivo di € 56.8 Milioni di Euro, di cui € 9.72 milioni a dono e € 47 milioni a credito: 

 

 

 

1. Realizzazione di tre discariche controllate per rifiuti solidi urbani e dei relativi centri di trasferimento dei Governatorati di Mahdia, Zaghouan e Tozeur
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Credito d'aiuto (€ 12.300.000); dono (€ 466.000)

 

 

 

2. Gestione dei rischi dell’inquinamento marino
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Credito d'aiuto (€ 35.000.000)

 

 

 

3. Cooperazione Tecnica. «Ambiente» 
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€ 3.000.000).

 

 

 


 

 

----------

 

 

 

 

 

 

 

Programma Sahara Sud 

 

 

 

1.  Riabilitazione e creazione di palmeti da dattero a Rjim Maatoug, Fase II
Canale: Bilaterale/Programma Sahara Sud
Finanziamento DGCS: Dono
: Dono (€10.403.199)

 

 

 

2. Costruzione di due dighe collinari nella regione di Sfax (Oued Chaffar e Oued Sidi Salah)
Canale: Bilaterale/Programma Sahara Sud
Finanziamento DGCS: Dono (€8.780.000)

 

 

 

3. Rafforzamento delle capacità dell'Office de développement du Sud (ODS) - Fase II
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€2.196.000)

 

 

 


 

 

----------

 

 

 

 

 

 

 

Progetti ONG

 

 

 

 

 

 

 

1. Finanziamento del Progetto ED. In-Place (Education-Inclusion-Placement) : formazione professionale ed inserimento lavorativo di giovani disabili libici e tunisini vittime del conflitto bellico
Canale: Promosso dall'ONG Don Carlo Gnocchi Onlus (FDCG)
Finanziamento DGCS: Dono (€ 300.000)

 

 

 

 

 

 


 

 

----------

 

 

 

 

 

 

 

Iniziative Tramite il Canale Multilaterale e Multi-bilaterale

 

 

 

 

 

 

 

 1. Progetto FAO Forest restoration in Algeria, Egypt, Morocco and Tunisia: Forest restoration in Algeria, Egypt, Morocco and Tunisia using treated waste water to sustain smallholders' and farmers' livelihoods
Canale: Promosso dalla FAO
Finanziamento DGCS: Dono (€600.000)

 

 

 

 

2. Progetto FAO programma regionale per la lotta contro parassiti: Contribuzione alla sicurezza alimentare e al miglioramento della nutrizione della popolazione rurale, attraverso la promozione di pratiche agricole sostenibili e l'effettivo coinvolgimento degli agricoltori attraverso la realizzazione di una protezione integrata delle colture orticole per ridurre i rischi dei pesticidi per la salute umana e l'ambiente e per la promozione dell'accesso al mercato in Algeria, Marocco e Tunisia.
Canale: Promosso dalla FAO
Finanziamento DGCS: Dono (€1.800.000)

 

 

 

3. Progetto UNIDO Poli di Competività: Rafforzare il tessuto imprenditoriale nei settori dell’innovazione e dell’energia rinnovabile attraverso lo sviluppo dei poli di competitività
Canale: Promosso dall’UNIDO
Finanziamento DGCS: Dono (€317.000)

 

 

 

4. Progetto UNIDO Youth Enterprise Creation and Development: Facilitating youth employment through entrepreneurship and enterprise development in vulnerable regions of Tunisia
Canale: Promosso dall’UNIDO
Finanziamento DGCS: Dono (€859.000)

 

 

 

 

5. Progetto multi-paese: Sviluppo delle comunità rurali costiere transfrontaliere in Libia e nei Paesi confinanti – NEMO, realizzato in Libia Egitto e Tunisia.
Canale: contributo finalizzato allo IAM di Bari
Finanziamento DGCS per la Tunisia: Dono (€824.140)

 

 

 

 

6. Progetto: Sostegno al Processo Elettorale in Tunisia - SEPT,
Canale: contributo finalizzato a UNDP Tunisia
Finanziamento DGCS: Dono (€800.000)

 

 

 

 

7. Progetto: Sostegno alla de-istituzionalizzazione dei bambini privati dell’ambiente familiare (nati fuori dal matrimonio, in difficoltà e/o con disabilità)
Canale: contributo finalizzato a UNICEF Tunisia
Finanziamento DGCS: Dono (€700.000)

 

 

 

 

----------

 

 

 

Attività trasversali

 

 

La Cooperazione italiana finanzia infine alcune “attività trasversali”, iniziative volte a sostenere la Tunisia nella gestione istituzionale del proprio sviluppo (in particolare del “Programma Sahara Sud”, che comprende numerosi progetti a valere su un portafoglio iniziale di 75 milioni di US$) e nella programmazione di nuovi interventi (grazie agli studi di pre-fattibilità e di fattibilità) nei settori definiti come prioritari.

 

Le iniziative del settore sono 3, per un importo complessivo di 2,7 Milioni di Euro a dono: 

 

 

1. Ricostituzione dell’UGP
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€ 494.000)

 

 

 

2. Fondo studi e consulenze
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€ 998.000)

 

 

 

3. Struttura di Gestione del Programma
Canale: Bilaterale
Finanziamento DGCS: Dono (€ 1.163.773)

 


 

 

 

1.2 Iniziative finanziate dal CIPE n. (APQ)

 

 

 

Il CIPE con diverse delibere (n. 17 del 9 maggio 2003, n. 83 del 13 novembre 2003 e n. 20 del 29 settembre 2004) ha stanziato fondi a dono per promuovere l’internazionalizzazione delle regioni italiane nel bacino del Mediterraneo. La gestione di questi fondi è stata affidata alla DGCS del Ministero degli affari esteri. L’uso dei fondi è regolato da apposito Accordo di Programma Quadro (APQ) fra le regioni interessate e il Ministero degli affari esteri.


Il Programma è articolato in 5 linee di intervento: 2.1) Promozione e cooperazione territoriale tra le regioni italiane e la Tunisia; 2.2) Integrazione logistica e trasportistica sulle relazioni Italia - sponda sud del Mediterraneo (ITALMED); 2.3) Salvaguardia e razionalizzazione e uso efficiente per le risorse idriche (RISMED); 2.4) Valorizzazione del patrimonio archeologico come veicolo per il dialogo interculturale (DIARCHEO); 2.5) Sanità e welfare per un’azione di partenariato (SWAP). Ogni programma a sua volta è articolato in sub-progetti, alcuni dei quali a carattere regionale e altri specificamente diretti alla Tunisia.

 

 

 

2.1.1. Promozione e cooperazione territoriale tra le regioni italiane e Tunisia
Canale: Regione Sicilia
Finanziamento CIPE: € 1.416.670
Regione: € 212.000

 

 

 

2.2.1 ITALMED- Coordinamento e gestione del progetto integrato
Canale: Regione Campania
Finanziamento CIPE: € 255.000
Regione: € 141.000

 

 

 

2.2.2 ITALMED- Acquisizione ed analisi dati ed informazioni sui temi della logistica e del trasporto merci sugli assi Italia – sponda sud del Mediterraneo (Egitto, Tunisia, Algeria e Marocco)
Canale: Regione Campania
Finanziamento CIPE: € 270.000

 

 

 

2.2.3 ITALMED- Analisi di fattibilità tecnico-economica di nuove linee marittime ed aeree sulle direttrici fra l’Italia ed i paesi della sponda sud del Mediterraneo (Egitto, Tunisia, Algeria e Marocco)
Canale: Regione Calabria
Finanziamento CIPE: € 420.000

 

 

 

2.2.4 ITALMED- Sviluppo delle Relazioni nel campo dei trasporti delle merci e della logistica con la Tunisia
Canale: Regione Sicilia
Finanziamento CIPE: € 721.000
Regione: € 132.000

 

 

 

2.3.1 RISMED- Programma per l’uso efficiente delle risorse idriche (Egitto)
Canale: Regione Puglia

Finanziamento CIPE: € 878.000
Regione: € 132.000

 

 

 

2.3.2 RISMED- Avvio di azioni di tutela e gestione integrata delle risorse idriche in un quadro urbanistico complesso e assistenza per l’introduzione di tecnologie ambientali: l’area industriale di Sahel e di Berrechid nella Regione di Chaouia Ouardigha (Marocco)
Canale: Regione Piemonte
Finanziamento CIPE: €818.000
Regione: € 137.000

 

 

 

2.3.3 RISMED- Lotta alla desertificazione: tecniche locali per l’uso efficiente della risorsa idrica e del suolo; uso sostenibile delle falde acquifere e coinvolgimento degli attori locali nel miglior utilizzo delle risorse (Tunisia)
Canale: Regione Sicilia
Finanziamento CIPE: € 1.304.296
Regione: € 196.000

 

 

 

2.4.1 DIARCHEO- Teatri antichi ed aree archeologiche: conoscenza e valorizzazione (Tunisia)
Canale: Regione Sicilia
Finanziamento CIPE: € 677.000
Regione: € 187.000

 

 

 

2.4.2 DIARCHEO- La valorizzazione del patrimonio archeologico come veicolo per il dialogo interculturale (Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia)
Canale: Regione Lombardia

Finanziamento CIPE: € 123.000
Regione: € 18.000

 

 

 

2.4.3 DIARCHEO- Valorizzazione del patrimonio musivo della Nymfarum Domus di Nabeul (Tunisia)
Canale: Regione Veneto
Finanziamento CIPE: € 51.000
Regione: € 8.000

 

 

 

2.4.4 DIARCHEO- La valorizzazione del ‘parco archeologico’ come strumento di riqualificazione urbana e territoriale (Egitto e Marocco)
Canale: Regione Campania
Finanziamento CIPE: € 251.000
Regione: € 38.000

 

 

 

2.5 SURGILAND - Sanità e Welfare Progetto Integrato "Sanità e Welfare per un'Azione di Partenariato - SWAP"
Canale: Regione Campania
Finanziamento CIPE: € 1.265,170
Regione: € 1.057,972


113