Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dichiarazioni di valore

 

Dichiarazioni di valore

La Dichiarazione di valore è un documento ufficiale, redatto in italiano, attestante l’autenticità e legittimità della documentazione presentata, rilasciato dalle Rappresentanze diplomatiche italiane a coloro che, avendo conseguito un titolo di studio presso Istituti di istruzione stranieri, intendono proseguire gli studi in Italia, avviare le procedure di Equipollenza dei titoli di studio, o di riconoscimento professionale.

Le informazioni riportate nella DV riguardano stato giuridico e natura dell'Istituzione erogante il titolo di studio; il valore del Titolo nel Paese in cui esso è stato rilasciato ai fini scolastici, accademici e/o professionali; i requisiti di accesso al relativo corso di studio conclusosi con quel titolo; la durata legale del corso medesimo, ed ogni altra informazione ritenuta utile alla sua valutazione in Italia.

La Dichiarazione di valore non costituisce di per sé alcuna forma di riconoscimento del titolo in questione, ma è un documento di natura informativa il cui scopo consiste nel descrivere il valore acquisito dal Titolo di studio nel Paese di origine.

 

LA DICHIARAZIONE DI VALORE PER L'ISCRIZIONE AD UN'UNIVERSITA' ITALIANA

La prima fase dell’iscrizione ad un’università italiana è la preparazione della “dichiarazione di valore” dei titoli di studio conseguiti in Tunisia, ossia il riconoscimento certificato dall’Ufficio Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi (indirizzo: 113, Avenue Jugurtha – Mutuelleville, orario per ritiro e consegna: ogni mercoledì 9.30-12.30) che i titoli acquisiti consentono l’iscrizione in Italia.

A tal fine, lo studente deve:

  1. Fotocopiare gli originali (fronteretro) e richiedere le copie conformi presso il Municipio;
  2. Far legalizzare la firma del responsabile al Municipio (sulle copie conformi);
  3. Recarsi dal Notaio per l’apposizione dell’Apostille;
  4. Provvedere alla traduzione dei documenti da parte di un traduttore (lista disponibile nella pagina “Servizi consolari” del sito dell’Ambasciata d’Italia). N.B. il COGNOME e il NOME devono essere scritti come sul passaporto;
  5. Recarsi dal Notaio per l’apposizione dell’Apostille sulle traduzioni.

L'Apostille deve essere apposta: sul titolo di studio originale, sulle pagelle, e sulle relative traduzioni.

N.B. Non esiste equipollenza automatica tra i titoli di studio tunisini e quelli italiani.

L’università italiana è l’unica abilitata a determinare il livello di studio corrispondente al sistema universitario italiano sulla base della “dichiarazione di valore” ma anche, in alcuni casi, sulla base del programma universitario tunisino dettagliato (consultare la pagina “equipollenza titoli” sul sito web dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi).


45